News recenti

22/07/2016 08:57Articolo Tutto Green

Per viasualizzare il documento, clicca qui

04/07/2016 11:00Sumus e Aspria - Tennis Cup sport e sostenibilità

Per visualizzare il documento, clicca qui

04/07/2016 10:58Articolo Assolombarda

Per visualizzare il documento, clicca qui

30/05/2016 16:59Articolo Il Punto Salute

Per visualizzare il documento, clicca qui

11/05/2016 09:40Articolo Carta non manet

Per visualizzare il documento, clicca qui

Ultime notizie dal blog

Ridurre i rifiuti da imballaggio

Francia : nel 2020 si vieterà l'uso di stoviglie di plastica

Super Sumus

Sacchetti Sumus : in vendita sul nostro e-commerce

Educazione ambientale a scuola: obbligatoria

Sumus®, il sacchetto in carta riciclata studiato e brevettato per contenere il rifiuto umido domestico, elimina i disagi della raccolta casalinga (rotture, odori, liquami).

Fondo multistrato, fondello mobile interno, alettatura, colle e inchiostri biodegradabili, grande resistenza in conformità a UNI EN 1353:2003 e 22248:1993, al 100% in carta riciclata FSC®, consentono a Sumus® eccezionali prestazioni tecnico-ambientali e risparmi per utenti, Comuni, gestori di raccolta e impiantisti. Sumus® è un prodotto GPP certificato “Compostabile CIC” UNI EN 13432:2002.

LA MISSION

La mission di Sumus Italia è quella di inventare, produrre e commercializzare involucri biodegradabili e compostabili attraverso l'impegno di materiali provenienti dalla raccola differenziata.

Sumus Italia è convinta che la realizzazione di involucri alternativi agli attuali che abbiano il minor impatto ambientale possibile, sia una necessità impellente per la nostra società, per realizzare uno sviluppo ecocompatibile e responsabile.

Lo scopo è quello di estendere l'impiego dei materiali biodegradabili e compostabili anche agli involucri oggi non riciclabili, cercando di sottrarre quote agli involucri che non possono essere differenziati.

I benefici della carta riciclata al 100%

Il sacchetto Sumus® è realizzato in carta riciclata postconsumo, biodegradabile e compostabile e ha ottenuto le certificazioni di catena di custodia FSC® e CIC.

L'uso della carta migliora la qualità del compost aggiungendo una notevole quantità di fibre di lignina, di cui generalmente il rifiuto organico urbano è scarso.

La carta "respira" favorendo l'attivazione del processo di compostaggio ed evitando l'effetto "marcio".

Il sacchetto in carta non viene confuso con altri sacchetti in plastica largamente diffusi, evitando scarti.

Riprodotto e acquisti verdi

Sumus Italia ha deciso di puntare sulla carta riciclata per "chiudere il cerchio" della vita di un prodotto, impiegandolo a sua volta per il riciclo. Il sacchetto in carta riciclata Sumus®, infatti, è un ri-prodotto, realizzato con materiali provenienti al 100% dalla raccolta differenziata.

Grazie a questa caratteristica, Sumus® rientra negli acquisti verdi della Pubblica Amministrazione (GPP) ai sensi del Decreto Ministeriale 203 del 2003.

Il compostaggio

Oggi in Italia esistono più di 250 siti di compostaggio che producono migliaia di tonnellate di compost di qualità che arricchiscono i nostri terreni. Il suo utilizzo è fondamentale per evitare il fenomeno di desertificazione.

L'utilizzo del sacchetto in carta migliora la qualità del compost e inoltre apporta vantaggi alla gestione del sito di compostaggio.

Raccolta differenziata

Il sistema Sumus® nasce per ottimizzare e migliorare la raccolta differenziata del rifiuto organico anche dal punto di vista della praticità e della comodità di chi deve realizzare questo tipo di raccolta.

Se il sacchetto viene utilizzato in una pattumiera adeguatamente areata, i vantaggi si moltiplicano: non si hanno più odori e liquami e il rifiuto perde più del 20% di peso in due giorni. Questo avviene grazie all'ossigeno: infatti se il rifiuto organico è sufficientemente ossigenato si attiva subito il processo di compostaggio, il rifiuto contenuto nel cestino si scalda (arriva anche a 45 gradi) e l'acqua, anziché percolare trascinando con sé batteri e cattivi odori, evapora. Se invece si utilizza un contenitore chiuso, il rifiuto organico fermenta e rilascia i liquidi maleodoranti.